Seguici sui social

Newsletter Istituto Grappa Piemonte

Lascia la tua email per ricevere la nuova newsletter e le notizie sulle attività dell'Istituto Grappa Piemonte.

Ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003 si precisa che le informazioni qui richieste rimangono riservate e ad uso esclusivo dell'Istituto Grappa Piemonte.

Vinacce e vapori

L'innovazione e la tradizione sono caratteri che convivono da sempre nel Dna di questa Regione e ciò si evidenzia anche nel comparto Grappa dove la presenza dei diversi metodi di distillazione regala il vasto panorama dei sistemi di produzione: se il cosiddetto processo a ciclo continuo è oggi il più usato, soprattutto su scala industriale, alambicchi a vapore, a fuoco diretto o a bagnomaria sono spesso ancora attuali nelle aziende di carattere artigianale, dove più rappresentano la tradizione piemontese. La differenza però è decisa dal mastro distillatore: custode dei segreti della “trasformazione”, sceglie le sue vinacce partendo dalle vigne migliori, insegue l’eccellenza nascosta negli ottimi vini scoprendo così la vinaccia che potrà consegnarli una grande grappa e la sua capacità è messa alla prova anche nelle operazioni di distillazione dove è fondamentale la scelta nel taglio delle teste e delle code, cioè la prima e l’ultima frazione del distillato, estraendo così il cuore di ogni fragranza.

La grappa, o l’acquavite di vinaccia piemontese rivela i caratteri del suo popolo dimostrando il suo fascino e la sua forza ma anche una buona dose di scontrosità; va accudita e domata per liberare la raffinatezza custodita in essa. Lo scalpitante distillato appena uscito dall’alambicco ha un profumo potente che invade l’olfatto e un gusto che rivela tutte le fragranze nascoste; con il riposo nelle vasche d’acciaio o nel legno le grappe ottenute dai vitigni a bacca nera si ricompongono e si ingentiliscono mantenendo però il loro caratteristico vigore, mentre la grappa di Moscato acquista con il tempo il suo speciale bouquet di frutti ed erbe aromatiche. Prima di porle in bottiglia, le grappe piemontesi sono quindi sempre affinate per un periodo di tempo più o meno lungo e quando viene scelta la maturazione in legno si utilizza quasi sempre l’essenza di Rovere, altre volte le essenze di Melo, Pero, Acacia, Frassino, Gelso, Ginepro e Ciliegio ottenendo interessanti e gradevoli risultati.